>>Sei nella pagina: Home Individuare gli ausili Dal bisogno alla soluzione

Dal bisogno alla soluzione

Print  E-mail  Written by Renzo Andrich   

Portale SIVA www.portale.siva.it © Fondazione Don Carlo Gnocchi Onlus

Il primo passo: prendere iniziativa

Il percorso che porta la persona dalla consapevolezza di un bisogno di autonomia alla sua soluzione attraverso un ausilio può essere scomposto idealmente in quattro passi:

  • il riconoscimento del bisogno;
  • la formulazione di un obiettivo;
  • la definizione di un progetto;
  • la decisione di mettere in atto la soluzione.

Il primo passo è probabilmente il più complesso: la disabilità spesso impegna l’utente ad affrontare bisogni sempre nuovi nel corso della vita, a stabilire priorità, ad elaborare strategie risolutive.

Se adeguatamente sensibilizzate, le varie figure professionali che ruotano attorno alla persona, in primo luogo gli operatori della riabilitazione ma anche altre figure come medici di base, familiari, infermieri e assistenti domiciliari, insegnanti ed educatori, persone con disabilità con maggiore esperienza, possono giocare un ruolo fondamentale nel chiarimento del bisogno, e orientare poi la persona a centri competenti per le valutazioni specialistiche.

A tal fine svolgono un ruolo prezioso anche i Portali Internet specializzati, i servizi di informazione, i corsi di formazione all'autonomia, i gruppi di mutuo aiuto, le iniziative di sensibilizzazione.

Il "percorso ausilio" (programma protesico)

Quando la persona, per desiderio autonomo o sollecitato da altri, ha deciso di prendere iniziativa o è comunque collaborante, può prendere avvio il programma protesico. Anch'esso è idealmente scomponibile in quattro momenti, dopo quello preliminare dell'iniziativa:

Il momento progettuale

  • Quello della valutazione, comprendente una serie di analisi, osservazioni, discussioni, prove strumentali, istruzioni e ricerche di dati, in certi casi esauribili in un'unico incontro, in altri richiedenti un apposito percorso clinico-riabilitativo in più sedute. Il tipico output sarà una relazione di valutazione ausili.

Il momento decisionale

  • quello in cui utente ed operatori decidono la soluzione da mettere in atto, con relative prescrizioni e autorizzazioni.

Il momento attuativo

  • quello dell'acquisizione dell' ausilio, della sua messa in opera, personalizzazione e collaudo, dell'addestramento per preparare l'utente ad utilizzarlo in modo competente ed efficace.

ll momento verificativo

  • quello in cui, a distanza di tempo, si misurerà con sopralluoghi di follow-up la reale efficacia dimostrata sul campo e si valuteranno interventi correttivi su eventuali criticità emerse.
Last Updated ( Wednesday, 28 October 2015 09:09 )